I problemi delle aziende protestate e le soluzioni di GF Financial Service

 

La tua azienda ha un conto protestato?

I protesti bancari sono un problema per molti cittadini. Quando si tratta di un'impresa poi, che sia un'azienda o una ditta individuale, le conseguenze possono comportare una serie di problemi aggiuntivi.

Molto spesso, infatti, le aziende che hanno subìto un protesto si trovano con conti correnti congelati, e con l'impossibilità di ricevere ed effettuare i pagamenti.

In questo caso, la sofferenza è causata principalmente dalla mancanza di accesso al credito bancario che per un'azienda già in difficoltà economica può comportare il collasso dell'attività stessa.

Come mai i protestati hanno difficoltà ad aprire un conto corrente?

Le banche non concedono conti correnti ai protestati. Questo per due motivi principali, in primo luogo per tutelare i propri clienti, i quali depositano somme di denaro presso la banca stessa. In secondo luogo per tutelare se stessa, considerando che chi è stato protestato, ha avuto problemi nella restituzione di un credito, e viene pertanto considerato un soggetto o un’entità (in caso di azienda) a rischio potenziale. In sostanza i protestati vengono considerati dalle banche soggetti ad alto rischio.

Di conseguenza l'apertura di un conto corrente a soggetti giuridici o persone fisiche protestate, diventa estremamente problematica.

Come aprire un conto corrente anche se protestato?

Conto Protestati Service vi permette di aprire un conto corrente anche se siete stati protestati. Con noi avrete la possibilità di aprire conti bancari SEPA, regolari e fiscalmente perfetti ma registrati nell’anagrafe conti maltese e quindi del tutto sicuri e riservati.

Abbiamo a disposizione conti correnti con saldi differenti. Scopri i nostri servizi dedicati alle aziende:

conti per ditte individuali protestate

conti per aziende protestate

Con GF Financial Service potrete tornare a lavorare in serenità.

Ecco le testimonianze di chi ha aperto un conto con noi. 

Le vostre esperienze

No comments yet

Scrivi la tua storia