ritirare lo stipendio o la pensione essendo protestati

Ritirare lo stipendio o la pensione essendo protestati

Vediamo come procedere per farsi accreditare e ritirare lo stipendio oppure la pensione nel momento in cui si rientra nella categoria dei protestati, la quale tende a essere abbastanza pesante da sostenere sotto certi aspetti.

Analizziamo anche la soluzione ideale per prevenire eventuali complicanze che possono essere sinonimo di stipendio o pensione che non viene ritirata in modo semplice e rapido.

Accredito di denaro essendo protestato

Spesso, quando si rientra nella categoria dei protestati, si tende a pensare che la problematica principale riguardi solo ed esclusivamente il fatto di non poter richiedere, per un determinato lasso di tempo, un nuovo finanziamento.

Ebbene bisogna mettere in risalto come la situazione sia ben diversa rispetto a quanto si possa immaginare, visto che i problemi che derivano da questa situazione sono molteplici e ognuno di questi ha una determinata incidenza sulla propria condizione economica.

Un primo problema che si riscontra consiste nell’accredito di denaro, come pensione o stipendio, sul conto corrente. Le banche, infatti, tendono a evitare di entrare in contatto con una persona che ha ricevuto un protesto in quanto, sotto un’ottica professionale, non ritengono affidabile quel cliente.

Pertanto le banche tendono a proteggere il loro denaro e la credibilità, evitando l’apertura di un conto corrente a questa categoria di soggetti.

Questi però possono fare affidamento su altre tipologie di soluzioni per poter ottenere la somma di denaro che spetta loro per le mansioni lavorative svolte in passato o attualmente, ovvero pensione o stipendio.

Prima di analizzare questo genere di rimedi, però, è bene prendere in considerazione quelle che sono le altre problematiche che scaturiscono nel momento in cui si rientra nella categoria dei protestati, per poi analizzare i metodi utili per ottenere l’accredito dello stipendio o pensione.

I problemi di chi riceve un protesto

Chi riceve un protesto, molto spesso, si trova in una situazione assai complicata da affrontare e la prima di queste è da collegare necessariamente alla difficoltà nel riuscire a ottenere un nuovo finanziamento.

Le banche e gli altri enti di credito, infatti, sono molto restie nel concedere un finanziamento a un cliente che, in passato, ha palesato notevoli difficoltà nel riuscire a estinguere il suo debito, anche se le rate del medesimo sono state di importo contenuto.

Pertanto occorre sottolineare come la prima tipologia di problematica è proprio da ricercare nella difficoltà nel trovare un finanziamento che possa essere sfruttato per far fronte a determinate spese.

Altra problematica abbastanza grave consiste nel potenziale pignoramento dei beni o dello stipendio.

Ciò accade nel momento in cui il cliente di una banca non riesce a estinguere il suo debito col denaro e il creditore, per ottenere indietro la somma di denaro concessa, decide di optare per questo genere di soluzione, ovvero pignorare parte dei beni materiali, talvolta anche l’immobile ma solo per importi abbastanza elevati, così come può optare per ottenere la restituzione della somma concessa attaccando direttamente lo stipendio o pensione del cliente.

Ad aggiungersi a queste potenziali problematiche, che sono sempre più gravi con il passare del tempo e in base all’entità del debito del cliente, vi è quello relativo all’accredito di stipendio o pensione.

Anche i conti correnti possono essere bloccati e lo stesso vale per le somme di denaro che spettano a quel cliente per le sue prestazioni lavorative, andando quindi a creare una serie di situazioni che devono essere necessariamente evitate.

Pertanto queste sono tutte le potenziali problematiche che si possono riscontrare nel momento in cui si riceve un protesto da parte di una banca o ente di credito.

Come ricevere lo stipendio essendo protestati

Quando si è protestati, ricevere lo stipendio potrebbe divenire abbastanza problematico. Questo per il semplice fatto che, i conti correnti, potrebbero venire bloccati da parte della banca che ha erogato quel finanziamento e di conseguenza lo stipendio non viene accreditato, generando una situazione tutt’altro che semplice da affrontare.

In aggiunta a questo genere di problema, se il conto corrente non viene bloccato si dovranno sostenere delle spese per la restituzione del debito: una volta che lo stipendio viene versato dal datore di lavoro, infatti, questo viene privato di una buona parte del denaro proprio per permettere al creditore di ottenere la somma di denaro concessa al cliente.

Di conseguenza è possibile notare come lo stipendio che si riceve non è mai completo, ovvero corrispondente a quanto scritto nella busta paga, situazione che può rappresentare diversi problemi a una famiglia che si trova nella condizione di protestata.

Come ricevere la pensione essendo protestati

La situazione per i pensionati tende a essere analoga a quella di coloro che ricevono lo stipendio, visto che i beni economici vengono sottoposti a un momentaneo blocco e pertanto anche la pensione può essere impossibile da ritirare, almeno momentaneamente, oppure privata di una parte di denaro abbastanza elevata.

Si tratta quindi di situazioni leggermente complesse che necessitano di essere risolte in tempistiche abbastanza brevi, per prevenire ulteriori complicanze.

Le migliori soluzioni

Per ottenere l’accredito di pensione e stipendio senza riscontrare grosse problematiche occorre semplicemente sfruttare il conto corrente per protestati.

In questo caso si parla di un conto corrente che può essere definito come classico, caratterizzato da IBAN, grazie al quale è possibile ottenere l’accredito dello stipendio.

Bisogna sottolineare come non tutte le banche tendano però a offrire questo genere di possibilità, pertanto la ricerca che deve essere svolta necessita del massimo grado di attenzione, per prevenire potenziali situazioni negative che si ripercuotono sulla propria condizione economica col passare del tempo.

In alternativa è possibile utilizzare le carte prepagate con codice IBAN, che possono essere utilizzate anche da coloro che hanno ricevuto un protesto.

Molti enti rilasciano questo tipo di carta senza prendere in considerazione la situazione economica del cliente, dato che si tratta di uno strumento privo di vincoli di ogni genere.

Conclusioni e considerazioni finali

Pertanto le soluzioni per ricevere stipendio e pensione non sono affatto complesse da utilizzare e in particolar modo la scelta indicata è quella del conto corrente, che se abbinato a una prepagata, offre l’occasione di effettuare tutte le differenti operazioni col conto corrente stesso.

La soluzione ideale è comunque quella di estinguere rapidamente i propri debiti, in modo da prevenire questa ricerca e soprattutto di incorrere in una situazione che può essere abbastanza stressante e che rende la propria vita maggiormente complessa, date le problematiche che scaturiscono nel momento in cui si rientra nella categoria dei protestati.

Sede Legale: Via Ippolita Polledro 29,
14026 Piovà Massaia (AT)

P.Iva 01505840056
C.F. FGAGRG54S23L219M
Tel. +39 0141 996619
Cell. diretto Giorgio Fagà +39 3391535609
© 2019 Tutti i diritti sono riservati